HOLY CROSS PARISH

DIOCESE OF SAN JOSE, CALIFORNIA

Home Masses Staff Information Pictures History CCD News Societies Ministries Social Services Associazione Scalabrini Bulletin Links
Home in Italiano Messe Staff Informazioni Fotografie Storia Catechismo Società Ministeri Servizi Sociali Associazione Scalabrini Bollettino Links
Home en Español Misas Staff Informaciones Fotografias Historia Catecismo Sociedades Ministerios Servicios Sociales Boletín Links

Welcome to the Site of Holy Cross Parish, San Jose, California

STORIA DELLA CHIESA CATTOLICA DELLA SANTA CROCE
1906 - 2006

La Parrocchia Nazionale Italiana della Santa Croce, San Jose, California, fu fondata come missione della Chiesa di San Patrizio nel 1906 per servire i molti immigrati italiani del quartiere nord di San Jose. In quel tempo era conosciuta come la "Missione del Santo Crocefisso". Il primo battesimo fu registrato il 9 Settembre 1906, quando Fr. Salvatore Scannavino battezzo' Ignatius Tortorice. Padre Scannavino era assistente alla Chiesa di San Patrizio e continuo' a vivere nel rettorato di San Patrizio ad un miglio di distanza esattamente al 389 East Santa Clara Street, celebrando la Messa ogni domenica, tenendo funzioni serali, impartendo classi di religione, celebrando matrimoni e battesimi, visitando gli infermi e ufficiando servizi funerari nella nuova chiesa..

Nella sua lunga storia la parrocchia cambio' nome tre volte. Nei registri parrocchiali del 1906 il nome era in latino come "SS Crucifixi", (Most Holy Crucifix). Tra il 1912 e il 1914, apparve un secondo nome latino, "Pretiosissimi Sanguinis", (Most Precious Blood), . Il cambiamento finale al nome inglese "Holy Cross" fu fatto nel 1928.

Secondo un articolo pubblicato nel giornale dell'Arcidiocesi "The San Francisco Monitor" il 11 Settembre 1911, la “neat little Italian church … was built in the memorable year of 1906.” Una storia della parrocchia dattiloscritta nella meta' degli anni 30, trovata negli archivi della Diocesi di San Jose, riporta che la chiesa fu costruita "per la comodita' degli italiani residenti nella Parrocchia di San Patrizio" dal pastore di San Patrizio Padre J. Lally. Poiche' san Jose era a quel tempo parte della Arcidiocesi di San Francisco, il Vescovo Montgomery, assistente del Arcivescovo di San Francisco Riordan, benedi' formalmente la nuova chiesa il 8 Dicembre 1906.

La fine della costruzione della Chiesa del "Holy Crucifix" in Jackson Street da parte di Padre Lally e' particolarmente significativa considerando che la sua Chiesa di San Patrizio venne distrutta dal terremoto del 1906 due mesi prima in settembre. La Chiesa di San Patrizio fu rimpiazzata con una struttura in legno consacrata nel aprile del 1907 dall'Arcivescovo Riordan.

La Chiesa del "Holy Crucifix" continuo' come missione della Parrocchia di San Patrizio sino a che fu cambiata nel 1911 in una Parrocchia Nazionale Italiana con il nome di "Most Precious Blood".

Padre Egisto Tozzi servi' per un anno quale primo pastore, dopodicche' la Parrocchia fu data ai Padri Gesuiti e Padre A. Diomede, S.J. ne divenne pastore sino al 1921; a questo punto la parrocchia ritorno' nell'amministrazione della Diocesi.

Il primo sacerdote installato nel 1911, Padre Egisto Tozzi, secondo l'articolo del SF Monitor sovra menzionato, fu “noted for his scholarly attainments and devout piety.” Padre Tozzi affitto' una casetta li vicino poiche' non era ancora disponibile una residenza per i preti.. Egli celebrava due Messe ogni domenica, una in inglese ed una in italiano. L'articolo elogia anche il lavoro delle " Sisters of the Holy Family" le quali aiutarono i fedeli della Parrocchia per 66 anni dal 1907 al 1973. “La parrocchia e' popolosa ma molto povera principalmente perche' la gente non possiede nulla e le famiglie sono molto numerose; sono obbligati a lavorre per paghe molto basse. Le "Sisters of the Holy Family" fanno molto per prendersi cura dei fanciulli mentre le madri lavorano, offrendo loro educazione religiosa.. A data il debito ammonta a $4,063.47. Col tempo questo debito fu pagato e i parrocchiani disporranno della piu' artistica e bella chiesa di San Jose."

Quando, nel 1920, una piu' grande chiesa di stucco fu consacrata, durante la tenuta di Padre A. Bruno, la vecchia chiesa venne usata per le classi di catechismo ed uffici parrocchiali. Anche se l'indirizzo della chiesa e' sempre stato indicato come 560 o 580 North 12th Street, la prima chiesa era all'angolo di East Jackson e North 13th Streets e la nuova chiesa fu costruita alla sua destra all'angolo di East Jackson e North 12th Streets. Il rettorato originale fu costruito a North 12th Street.

Nessuno ricorda cosa successe dell' edificio originale della chiesa. Potrebbe essere stato demolito agli inizi degli anni 70 dopo che la chiesa compero' alcune proprieta' adiacenti e demoli' molti edifici per far posto ad un nuovo convento e alle classi odierne che furono dedicate al centro del CCD (Confraternity of Christian Doctrine) il 23 maggio 1974..

La parrocchia fu gestita originalmente da parroci diocesani di lingua italiana e successivamente da sacerdoti dell'ordine dei gesuiti.. Nel 1961, dopo la morte di Padre. Terence Nugent, la Parrocchia della Santa Croce fu data ai membri dell'Ordine Missionario di San Carlo Borromeo (C.S.) fondato dal Beato Giovan Battista Scalabrini, i cui membri sono comunemente chiamati Scalabriniani.. Poiche' la vocazione degli Scalabriniani e' di servire gli immigranti, migranti e rifugiati, la loro presenza alla Santa Croce si adatta perfettamente.

La prima chiesa parrocchiale fu costruita per servire i molti immigranti italiani che vivenano nei qurtieri nord di San Jose. La parrocchia si e' evoluta con il quartiere adattandosi aii cambiamenti demografici ed ora serve messicani , filippini e varie altre nazionalita' e ceti sociali che risiedono nell'area, compresi coloro che sono stati attratti dalle numerose e ben tenute case di stile vittoriano e bungalow Craftman e che hanno l'opportunita' di vivere in un quartiere sicuro e piacevole nelle vicinaze del centro cittadino.

La Parrocchia della Santa Croce e' stata conosciuta attraverso gli anni anche per altre cose, a parte la sua identita' come chiesa missionaria italiana diventata la parrocchia di immigranti da molte altre nazioni.. Tra le altri servizi c'e' il centro di educazione religiosa. Brother Charles Muscat, C.S., Direttore di Educazione Religiosa dice che quella della Santa Croce e' la sola chiesa nei dintorni che dispone di classi di insegnamento religioso dedicato ai giovani che non frequentano la scuola cattolica . La parola correntemente in uso per definire coloro che insegnano la fede nelle parrocchie e' "ministri catecumeni", percio' per coloro che non ricordano il termine "CCD" potrebbe interessare la seguente informazione tratta dal manuale dei centri CCD. CCD era una organizzazione laica creata nel 1605, e nel tempo guadagno' lo stato di "ufficiale societa' parrocchiale della Chiesa dedicata esclusivamente all'educazione religiosa dei fanciulli e giovani che non frequentanom la scuola cattolica e degli adulti, sia cattolici che non cattolici". CCD fu approvata da Pio V nel 1581, e nel 1905, Pio X ordino' che fosse stabilita in ogni parrocchia.

Oggi il progrmma di fine settimana della parrocchia comprende tre Messe in inglese, due in spagnolo ed una in italiano. Messe multi-etniche sono celebrate in occasione delle maggiori festivita' religiose ed in queste occasioni le diversita' etniche della parrocchia risultano ancor piu' apparenti quando i parrocchiani sfilano in processione, talvolta indossando i costumi regionali e sventolando le bandiere delle loro nazioni d'origine quali Messico, Italia, Filippine, Portogallo, Vietnam, Korea, Fiji, Canada, Brazil e Malta assieme alla bandiera degli Stati Uniti d'America.

Un tempo fu perso ed ora e' stato ritrovato

Un prezioso crocefisso proveniente dall'Italia, precedentemente collocato dietro l'altare, fu quasi gettato, quindi recuperato, depositato in un a rimessa e finalmente ricollocato nella chiesa 40 anni piu' tardi.. Nel 1966, l'allora pastore Padre Joseph Bolzon C.S. fece installare il nuovo altare rivolto verso la congregazione.. Nel corso del restauro il crocefisso ligneo dorato, alto tre metri, che precedentemente era sospeso a mezza altezza dietro l'altare, fu rimosso assieme ad una Pieta' e a 14 stazioni della Via Crucis. Il nuovo crocefisso che fu installato era piu' piccolo e posto sopra il tabernacolo collocato su di una tavola dietro l'altare e provvisto di uno sfondo di marmo nero su cui appariva una immagine in oro dell' Ultima Cena.

Il passtore, Padre Father Mario Rauzi C.S., effettuo' una successiva modifica rimuovendo lo sfondo di marmo negli anni 70. A quel momento i muri dietro l'altare erano di marmo ed un nuovo crocefisso piu' semplice e piccolo stava sopra il tabernacolo.Un artista locale dipinse nel 1977 un murale nella navata dell'abside.

Quando il crocefisso venne rimosso, ci si era gia' dimenticati che l'installazione dello stesso e delle stazioni della Via Crucis era stato un grande avvenimento per la parrocchiayt. Un articolo apparso nel “Church News of the Week” sezione del The Monitor il 9/21/1907 riporta l'installazione di un grande crocefisso sopra l'altare la domenica 17 Settembre, ed elogiava le stazioni della Via Crucis come “beautiful oil paintings, imported from Italy.” (Il Monitor era il giornaledella Arcidiocesi di San Francisco e Holy Cross a quel tempo faceva parte della Arcidiocesi di San Francisco.)

Nel 1966 il curatore della chiesa trovo' il crocefisso, le statue e le stazioni e le porto' a casa sua. Quando il curatore mori' la famiglia tenne le statue e le stazioni ma piu' tardi contattarono Brother Charles Muscat, C.S., chiedendo se la chiesa era interesata a riavere il crocefisso. Brother Charles accetto' l'offerta e con l'aiuto di uno dei membri della famiglia rimise insieme il crocefisso che ara a pezzi e lo appese in uma delle classi CCD.

L'allora Pastore Padre Clair Antonio Orso, C.S., assunse un esperto restauratore per le dovute riparazioni di quello che e' ora considerato un prezioso oggetto d'arte italiana. L'esperto dichiaro' che il crocefisso era stato prodotto usando legno preziosoe precedentemente trattato per evitare distorsioni; tale legno sarebbe impossibile oggi. Il corpo del Cristo e' dipinto e la ed il legno della croce dorato. Una piccola rappresentazione di Dio Padre e diello Spirito Santo, rappresentato come una colomba, appare in cima alla croce mentre una seconda piccola pittura di Nostra Signora e di Giovanni Evangelista compare ai piedi della croce. Le braccia della croce mostrano rappresentazioi in argento dei simboli dei quattro evangelisti: il leone, l'aquila, il bue e l'uomo.

Il restauro fu completato in tempo per la Festa del Trionfo della Santa Croce tenutasi il 14 Settembre 2005. Dopo 40 anni di assenza, la croce fu ri-installata al posto d'onore, dietro l'altare .

Elenco dei Parroci.

1911-1912 - Fr. Egisto Tozzi
1912-1913 - Fr. A. Diomede, S.J.
1913-1921 - Fr. A. Bruno, S.J.
1921-1926 - Fr. James Sorasio
1926-1927 - Fr. James Franchi
1927-1932 - Fr. Louis Sciocchetti
1932-1937 - Fr. James Sorasio
1937-1959 - Fr. John B. Savio
1959-1961 - Fr. Terence Nugent
1961-1969 - Fr. Joseph Bolzan, C.S.
1969-1978 - Fr. Adolph Nalin, C.S.
1978-1988 - Fr. Mario Rauzi, C.S.
1988-1994 - Fr. Angelo Bordignon, C.S.
1994-2004 - Fr. Antonio DeAngelis, C.S.
2004-Present - Fr. Clair Antonio Orso, C.S.